EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Virus di Facebook si propaga attraverso Chrome. Come Sconfiggerlo.

Share Button

SETTEMBRE 2013. Da qualche settimana, l’uso di Facebook su Chrome sta aprendo un varco a un “malware” che sottrae dati sensibili agli utenti. Tra questi, quelli BANCARI.

I giornali ne hanno parlato, sì, ma credo non abbastanza.

Usare Facebook su Chrome e salvare i propri dati bancari

UNA SITUAZIONE GRAVE in cui chiunque può incappare, dato il massiccio uso in tandem del browser targato “Google” e del social network più frequentato in Italia.

Il virus attacca in maniera subdola, per cui ci si casca facilmente.

Il terreno fertile su cui il malware attecchisce è l’uso simultaneo del browser Google Chrome e Facebook.

Tutto parte dalla ricezione, da parte vostra, di un link a un video speditovi da un vostro amico Facebook.

Il video-link giunge attraverso messaggio privato o in chat, si presenta generalmente senza testo di accompagnamento o con uno “smile” sorridente.


Cliccando sul video, se anche voi usate Chrome, sarete invitati a scaricare un plug-in per vederlo: cliccando sulla schermata, verrete reindirizzati sulla pagina “fake” dell’estensione mancante.
Accettandone l’installazione… ahiahi, il malware attacca.

Rileva le password, si impossessa dei vostri account (qualunque! credenziali mail, login bancari, facebook, twitter) e, attraverso il vostro profilo Facebook, diffonde il video-link infetto ai vostri ignari amici.

Che, in assoluta buona fede, ci cadranno, aggiorneranno e propagheranno il malware ai loro “amici” su Facebook. Esattamente com’è accaduto a voi.

Google è intervenuta bloccando le estensioni Chrome che permettono la diffusione del virus, ma nel frattempo l’attacco ha mietuto un’enormità di vittime: solo tra luglio e fine agosto, ben 800mila utenti Facebook hanno ricevuto il link malevolo.

Un malware simile è entrato in azione, nella notte tra l’11 e il 12 settembre, sui profili Facebook degli amministratori delle pagine Alpitour, Viaggidea, Francorosso e Villaggi Bravo, spedendo, dalle pagine aziendali, link a offerte inesistenti a tutti gli iscritti e agli amici degli amministratori.

Alpitour sembra sia stata l’unica (da “il Messaggero” del 16/09/2013) a informare tempestivamente i propri utenti di ciò che stava accadendo.
Con la stessa celerità, ha allertato Facebook che, però, è riuscita a riparare il danno solo il 13 notte. Sembra che la Compagnia di Viaggi abbia denunciato il fatto alla Polizia competente.

La notizia dalle altre aziende è stata data solo dopo l’attacco, per non terrorizzare i propri utenti, e tutte hanno assicurato di aver debellato il malware.

Il dubbio, però, rimane.

È lo stesso virus? Lo stesso malware di cui stiamo parlando in questo articolo, oggi?
E continua a serpeggiare nei nostri PC?

Non ci è dato sapere.

Possibili Soluzioni per debellare il malware

Se siete stati attaccati, non basterà cambiare passworddei vostri accounts. Se provate a disinstallare l’estensione di Chrome, inoltre, il browser si chiuderà immediatamente.

Ho cercato una soluzione. Quella proposta da Alessandro Riva sul suo blog mi sembra la più verosimile.

il mio profilo non è stato violato quindi non l’ho testata personalmente, ma conosco i programmi che ha indicato. Se avete dubbi, mettetevi direttamente in contatto con lui.

Se, invece, VOI STESSI avete trovato una soluzione per scardinare il virus “Facebook/Chrome” dal computer, vi chiedo di postarla immediatamente qui nei commenti. Siate i più chiari possibili: grazie alle vostre informazioni, centinaia di utenti usciranno fuori dall’incubo.

Due consigli per chiudere

    – D’ora in poi, quando spedirete un video-link ai vostri amici attraverso chat o messaggio, abbiate l’accortezza di inserire una frase che, inequivocabilmente, vi indichi come mittente. Mai più solo link.

    – Quando digitate le vostre credenziali su servizi bancari, siti universitari, PayPal, assicuratevi di attivare la modalità “incognito” su Chrome: le vostre password non rimarranno nella memoria del broswer. Se, come browser alternativo, avete “Safari”, per operazioni delicate operate direttamente con questo e attivate modalità “privata”.

Giovanna Antoniozzi

_____________

Inserendo “Fonte: www.iltuogadgetvincente.itcon link attivo, potete pubblicare un estratto da questo articolo o ripubblicare il modulo sul vostro blog o sito internet.
_____________

Fonti: Quotidiani, siti tematici.

Share Button

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Lucas scrive:

    Scusate non parlo italiano, ho tradotto con google. Ho navigato online più di tre ore oggi, ma ho affatto trovato alcun articolo interessante come il tuo. Il pezzo è bello abbastanza per me. A mio parere, se tutti i proprietari di siti e blogger fanno contenuto giusto come fate voi, il web è molto più utile che mai.